You dont have javascript enabled! Please enable it! I Russi Che Combattono Con Le Pale E Le Altre Bufale Del Mainstream Del 2023 Sulla Guerra In Ucraina - USPL Unione Sindacale Per La Libertà - Associazione Sindacato Caltanissetta
3247746607

I russi che combattono con le pale e le altre bufale del mainstream del 2023 sulla guerra in Ucraina

russi pale bufale guerra ucraina mainstream
Condividi se ti piace:

Tempo di lettura: 6 minuti

loading

I russi che combattono con le pale e le altre bufale del mainstream sulla guerra. Come sgusciati da un racconto di battaglie epiche o da una puntata di Vikings, questa sarebbe la surreale situazione dell’esercito russo, costretto per la mancanza di munizioni a usare le pale, una evidente assurdità della ricostruzione dal sapore propagandistico come solo Open e altri giornali di propaganda sanno fare. Leggi l’articolo adesso per saperne di più!

Sponsorizzato

I russi che combattono con le pale e le altre bufale del mainstream sulla guerra

Le bufale del mainstrem di sistema sui russi che sarebbero costretti a combattere con le pale

«Da Tassagart a Clonmore scorre un fiume di sangue sassone».

Follow me up to Carlow è un canto popolare dell’epopea ribellistica irlandese che celebra la sconfitta di un esercito di 3.000 soldati inglesi, guidato da Lord Grey de Wilton, da parte di Fiach McHugh O’Byrne nella battaglia di Glenmalure, avvenuta nel 1580, durante la seconda rivolta dei Desmond.

Circa 800 soldati inglesi furono massacrati durante un’imboscata, straziati a colpi di spade, lance, pale e asce.

Uno scenario simile a quello che emerge, almeno nell’ultimo rapporto dell’intelligence ucraina, secondo cui i riservisti russi sarebbero costretti a combattere con le pale.

Il documento parla di un attacco a un avamposto nel quale i militari di Mosca avrebbero ricevuto l’ordine di assaltare le forze di Kiev usando «armi da fuoco e pale».

Come sgusciati da un racconto di battaglie epiche o da una puntata di Vikings, questa sarebbe, infatti, la surreale situazione dell’esercito russo, costretto per la mancanza di munizioni a usare armi a dir poco vetuste.

La pala in questione, di carattere più “mitologico” che moderno, già in voga durante il periodo sovietico, è lunga circa 50 centimetri, e ai lati della parte metallica viene affilata per essere usata come ascia.

Nello specifico, si tratta di un modello noto come MPL-50: progettata nel 1869, secondo il ministero della Difesa ucraino, si tratta di uno strumento che in Russia viene considerato, come si può ben immaginare, “superato”.

Questo è forse l’unico punto del documento su cui si può concordare senza sorridere. Il report puntualizza come il conflitto sia diventato sempre di più una guerra di contatto per la quale i riservisti russi non sarebbero pronti «né fisicamente né psicologicamente».

Sebbene sia redatto da una fonte istituzionale, ben lungi dal potersi considerare affidabile, la Bbc fa sapere di non essere riuscita a verificare il contenuto del rapporto, che non specifica dove e quando i russi avrebbero ricevuto l’ordine di usare le pale.

Il report, però, è stato ripreso avidamente dai quotidiani italiani, anche da coloro che guidano le armate dei moderni Inquisitori digitali, l’onnipresente Open di Mentana, il giorno stesso in cui la Russia ha usato le nuove bombe plananti UPAB-1500B da 1,5 tonnellate contro l’Ucraina.

Una notizia confermata da Kiev attraverso il portavoce dell’Aeronautica Yuri Ignat, citato da Ukrainska Pravda. Lo stesso Ignat ha spiegato ai media che l’Ucraina ha bisogno «degli F-16 o di altri aerei», proprio per difendersi dai missili a distanza e dalle bombe russe.

Perché se l’esercito fosse davvero a corto di munizioni e fosse costretto a combattere come cinque secoli or sono, non ci sarebbe bisogno di continuare a mandare armamenti a supporto delle truppe di Kiev…

i russi che combattono con le pale e le altre bufale del mainstream sulla guerra della russia in ucraina

Ora, al di là dell’evidente assurdità della ricostruzione dal sapore propagandistico, è bene ricostruire come i media mainstream ripetano a spron battuto da un anno esatto a questa parte che la Russia non è più in grado di sostenere la guerra.

Dal marzo 2022, infatti, la stampa occidentale ha più volte insistito sulla narrazione secondo la quale la Russia sarebbe senza risorse (e ora senza armi né munizioni), incapace di continuare a sostenere il conflitto.

A ripeterlo è ancora oggi Ukrinform che, citando il capo dell’intelligence militare ucraina, Kyrylo Budanov si dice convinto che «l’esercito russo fallirà nei suoi obiettivi questa primavera, esaurirà i suoi strumenti di guerra».

Ma questa litania viene promossa e ripetuta dagli organi di stampa, da un anno esatto e, soprattutto, è stata smentita nei mesi, dai fatti.

Il 4 marzo del 2022, già La Stampa sosteneva questa versione: secondo l’economista Vladimir Mirov – collaboratore di Navalny – Putin aveva finito le risorse e la guerra in Ucraina si sarebbe fermata entro 2-3 settimane al massimo: «Non hanno ancora capito che la Russia è piombata in una crisi economica che sarà peggio di quella del 1991. Diamogli altre due-tre settimane per comprendere la realtà: non ha le risorse per proseguire la guerra».

L’intervista era stata ripresa da Open e altri colleghi, con scarse doti di lungimiranza.

A prefigurare l’imminente collasso del Cremlino era anche il Wall Street Journal che, sempre a marzo di un anno fa, sosteneva che “Putin potrebbe temere più il default che la sconfitta in Ucraina”.

wall street journal wsj

Oggi il WSJ, invece, scrive che la lotta mortale minaccia la capacità di Kiev di organizzare un’offensiva: le migliori brigate ucraine sarebbero morte in una feroce battaglia con i mercenari della Wagner, durante la battaglia per Bakhmut.

Eppure, esattamente un anno fa, il quotidiano sosteneva che il conflitto sarebbe durato al massimo due settimane.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per votarla!

Voto medio 4.7 / 5. Conteggio voti: 25

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo post non ti sia stato utile!

Miglioriamo questo post!

Ci racconti come possiamo migliorare questo post?


Questo articolo ha una valutazione di

4.7
(25)

Valutalo, dopo averlo letto, alla fine dell’articolo.

Spendi i prossimi 2 minuti a fare una donazione a Uspl.it, e passerai i prossimi 12 mesi fiero di essere stato fra quelli che non hanno mai smesso di credere, neppure per un secondo, che prima o poi il cambiamento sarebbe arrivato. Grazie, come sempre!

Sostienici

IMPORTANTE: le opinioni espresse nelle interviste, negli interventi, negli editoriali e in tutti i contenuti pubblicati sulle piattaforme di pertinenza, non rispecchiano necessariamente le opinioni dell’Associazione USPL e dei membri del consiglio direttivo.

C’È UNA SOLA ASSOCIAZIONE SINDACALE LIBERA E INDIPENDENTE: TI SEI RICORDATO DI SOSTENERLA?

Sostieni USPL con la tua donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Fino al nostro ultimo aggiornamento, avvenuto il 12 Dicembre 2023 @ 03:41, abbiamo realizzato un totale di 126 articoli, per un totale di 340,284 parole, all’interno di 24 categorie e abbiamo un totale di 21 utenti registrati al nostro portale di informazione libera.

E vi abbiamo mostrato in maniera integrale quello che da nessun altra parte sul web avreste mai visto. Tantissimi italiani che hanno seguito o seguono i nostri contenuti, li hanno trovati interessanti.

Tutto questo, lo abbiamo realizzato solo con le vostre donazioni. Per essere indipendenti. Per non avere debiti, né di riconoscenza, né finanziari.

Se credi che il nostro lavoro sia importante, ricordati di sostenerlo, perchè ci sono cose nella vita di cui si sente la mancanza solo quando non ci sono più e 25 donatori, che hanno effettuato 30 donazioni, donandoci un totale di 687,38 € hanno già creduto in noi e in quello che sinora abbiamo fatto e faremo in futuro.

Scegli di supportare il nostro lavoro contribuendo a coprire le spese di gestione del sito web, del blog, i vari progetti, partecipazione a iniziative, eventi accessibili e manifestazioni che intendiamo promuovere.



Cause che necessitano la tua urgente attenzione

Dona con PayPal o Carta di credito qui di seguito:


Oppure dona con Bonifico Bancario:



È possibile sostenere l’associazione USPL Unione Sindacale Per La Libertà attraverso una donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Ecco l’albo d’oro dei cavalieri di USPL, che stanno combattendo la battaglia della libertà di informazione:

  1. Gianfranco Cilia

    50,00 €
  2. Cristian Patti

    20,00 €
  3. Anonimo

    13,00 €
  4. Anonimo

    2,38 €
    Bravissimi
  5. Anonimo

    42,00 €
    bravissimi
  6. Mario Principato

    30,00 €
  7. Anonimo

    20,00 €
  8. Sonia Vitale

    5,00 €
  9. Maria Grazia Costa

    5,00 €
  10. salvatore vitaliti

    5,00 €
  11. Davide Piccione

    5,00 €
  12. Maria Carmela Pardi

    15,00 €
  13. Anonimo

    5,00 €
  14. Claudia Baldini

    25,00 €
    Bravi
  15. Nadia Castello

    20,00 €
  16. Maken Staniscia

    180,00 €
  17. Maria Grazia Costa

    10,00 €
  18. Gabriella Strangis

    5,00 €
  19. Emilia Galanti

    5,00 €
  20. Giulia Abbate

    5,00 €
  21. salvatore vitaliti

    20,00 €
  22. Eva Intagliata

    50,00 €
  23. Alessia Cesare

    10,00 €
  24. Gianfranco Cilia

    100,00 €
  25. Giuseppe Scarlata

    20,00 €
  26. Giovanna Cravotta

    10,00 €
  27. Salvatore Ruben Spatola

    5,00 €
  28. Angela Rindone

    5,00 €


Gentile lettore,

voglio esprimere la mia più sincera gratitudine per aver visitato questa pagina e per il contributo che stai per concedere al sito Uspl.it, noi non abbiamo sponsor o altri contributi tranne il tuo, con la tua donazione ci aiuterai ad andare avanti per fornire quell’informazione libera in cui noi tutti crediamo.

Sostieni il uspl.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per garantire un’informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale, delle azioni atte a far crollare l’economia e molti altri temi da un’altra prospettiva è rischioso.

Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l’informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream.

Diventa anche tu sostenitore de uspl.it e difendi l’informazione libera!

A nome di tutta la direzione, Grazie!



Condividi se ti piace:

Partecipa alla discussione scrivendo un commento

>