You dont have javascript enabled! Please enable it! Vaccini Per Covid Mai Testati Sulla Trasmissione: L’ammissione Di Pfizer Sbugiarda Media E Autorità. - USPL Unione Sindacale Per La Libertà - Associazione Sindacato Caltanissetta
3247746607

GEOINGEGNERIA: PRESSIONI PER CONVINCERE CHE SI TRATTA DI COSA GIUSTA Scienza e Salute, Ambiente, Tecnologia e Controllo GEOINGEGNERIA SOLARE: PRESSIONI PER CONVINCERE CHE SI TRATTA DI COSA Continua la lettura GEOINGEGNERIA - IRRORAZIONE AEREA DI AEROSOL CON DIOSSIDO DI ZOLFO Ambiente, Anti Fakenews, Focus, Inchieste, Politica e Governo, Problemi della Città, Reportage, Tecnologia e Controllo GEOINGEGNERIA - IRRORAZIONE AEREA DI AEROSOL CON DIOSSIDO DI ZOLFOINQUINANTE Continua la lettura 6G: ACCORDO UE - STATI UNITI (5 aprile 2024) Esteri e Geopolitica, Politica e Governo, Reportage, Scienza e Salute 6G: ACCORDO UE - STATI UNITI (5 aprile 2024)Importanti sviluppi Continua la lettura MI CHIEDONO SE ENTREREMO IN GUERRA CONTRO LA RUSSIA Esteri e Geopolitica, Cronaca e Attualità, Politica e Governo, Reportage MI CHIEDONO SE ENTREREMO IN GUERRA CONTRO LA RUSSIALA NATO Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura IL NWO È CLINICAMENTE MORTO Anti Fakenews, Editoriali, Esteri e Geopolitica, Inchieste, Politica e Governo Il mondo è in transizione, ha affermato Tucker Carlson in Continua la lettura GEOINGEGNERIA - IRRORAZIONE AEREA: I BREVETTI TECNICI Ambiente, Anti Fakenews, Cronaca e Attualità Dopo le fonti acquisite da- CIA,- Diparimento della Difesa USA,- Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura ONU: MORATORIA GEOINGERIA - PETIZIONE Ambiente, Anti Fakenews, Cronaca e Attualità PER ADERIRE ALLA MORATORIA DELLA GEOINGEGNERIA- Non si va in Continua la lettura News 2023: Pfizer è stato citato in giudizio dal procuratore generale del Texas per aver "illegalmente travisato" l’efficacia del vaccino Anti Fakenews, Esteri e Geopolitica, Inchieste, Scienza e Salute
Il colosso farmaceutico Pfizer è stato citato in giudizio
Continua la lettura
Zuckerberg, dopo i Twitter files, dopo 3 anni si scusa di aver censurato informazioni vere su Facebook e ammette che la scienza sul Covid aveva torto Anti Fakenews, Esteri e Geopolitica, Social Network, Tecnologia e Controllo
Zuckerberg si scusa per aver censurato informazioni vere su
Continua la lettura
{{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura I russi che combattono con le pale e le altre bufale del mainstream del 2023 sulla guerra in Ucraina Anti Fakenews, Cronaca e Attualità, Inchieste
I russi che combattono con le pale e le
Continua la lettura
Si pensava fosse scienza, invece erano solo bugie: le ultime svolte sulle bugie legate al Covid Scienza e Salute, Anti Fakenews, Cronaca e Attualità, Inchieste
Si pensava fosse scienza, invece erano solo bugie: le
Continua la lettura
REGOLAMENTO N. 31 (C.E.E.) 11 (C.E.E.A.) Opinioni, Diritti e Movimenti Sociali, Economia e Lavoro, Inchieste Mi domando: ma gli Avvocati dello Stato Italia, i Dirigenti Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura VIDEO CENSURATO SU YOUTUBE - Gli Invisibili - testimonianze di persone che hanno subito gli effetti avversi del vaccino covid19, di medici e professionisti Anti Fakenews, Cronaca e Attualità, Inchieste, Scienza e Salute
YouTube ha censurato "Invisibili, il documentario sulle reazioni avverse
Continua la lettura
Elon Musk dichiara su Twitter che lui e suo cugino dopo la 2° dose di vaccino Covid hanno gravi effetti collaterali Inchieste, Anti Fakenews, Cronaca e Attualità, Scienza e Salute
Il CEO di Twitter Elon Musk ha fatto un
Continua la lettura
{{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura {{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura Comunicato Stampa USPL relativo al Comunicato Stampa "Obbligo Vaccinale a Tutela della Salute" della Corte Costituzionale datato 1 Dicembre 2022 Politica e Governo, Diritti e Movimenti Sociali, Notizie di USPL, Opinioni
Proponiamo la lettura del Comunicato Ufficiale di USPL relativo
Continua la lettura
Sostanze cancerogene rinvenute nei disinfettanti per le mani Scienza e Salute, Cronaca e Attualità, Politica e Governo
Sostanze cancerogene rinvenute nei disinfettanti per le mani. Ci
Continua la lettura
Il governo di Giorgia Meloni finanzia le scuole private e dimentica quelle pubbliche Politica e Governo, Focus
All’interno della legge di bilancio approvata dal Consiglio dei
Continua la lettura
La procura UE indaga su Von Der Leyen per la frode da 71 mld sui vaccini Inchieste, Esteri e Geopolitica, Focus, Politica e Governo
Finalmente la procura europea si muove per accertare la
Continua la lettura
{{title}} {{catlist_raw}} {{content:words:10}} Continua la lettura Il G20 approva l’introduzione di passaporti vaccinali e identità digitali globali Esteri e Geopolitica, Diritti e Movimenti Sociali, Politica e Governo, Tecnologia e Controllo
Passaporto vaccinale confermato al G20 di Bali, pure da
Continua la lettura
I super ricchi, il transumanesimo e il sogno dell’immortalità Premium, Esteri e Geopolitica, Inchieste, Politica e Governo, Reportage, Tecnologia e Controllo
I super ricchi del pianeta ( fissati con il
Continua la lettura
Il WEF di Schwab sta ora spingendo per impiantare microchip di tracciamento Tecnologia e Controllo, Esteri e Geopolitica, Inchieste, Politica e Governo, Reportage
Il WEF di Schwab sta ora spingendo per impiantare
Continua la lettura

Vaccini per Covid mai testati sulla trasmissione: l’ammissione di Pfizer sbugiarda media e autorità.

vaccini covid mai testati sulla trasmissione
Condividi se ti piace:

Tempo di lettura: 9 minuti
90 / 100

loading

Vaccini Cominarty mai testati sulla trasmissione: l’ammissione di Pfizer sbugiarda media e autorità. Si arriva così a oggi, Venerdì 14 Ottobre 2022: nessun quotidiano mainstream – o quasi – ne parla, nonostante l’importanza della notizia. Se infatti da un punto di vista scientifico già si sapeva, che i sieri non immunizzano, l’ammissione è grave politicamente. L’abbiamo sempre detto, che il Green Pass era un infamia, che non garantiva di non essere contagiato e non contagiare. Adesso è ufficiale. Era una balla criminale. La Pfizer ha ammesso in un’audizione all’Europarlamento di non aver mai testato il siero Cominarty-BioNTech/Pfizer sull’arresto della trasmissione del virus prima che fosse emesso sul mercato, perché si è dovuta “muovere davvero alla velocità della scienza”. Leggi l’articolo adesso per saperne di più!

Sponsorizzato
Questo articolo ha una valutazione di

4.7
(51)

Valutalo, dopo averlo letto, alla fine dell’articolo.

Spendi i prossimi 2 minuti a fare una donazione a Uspl.it, e passerai i prossimi 12 mesi fiero di essere stato fra quelli che non hanno mai smesso di credere, neppure per un secondo, che prima o poi il cambiamento sarebbe arrivato. Grazie, come sempre!

Sostienici

IMPORTANTE: le opinioni espresse nelle interviste, negli interventi, negli editoriali e in tutti i contenuti pubblicati sulle piattaforme di pertinenza, non rispecchiano necessariamente le opinioni dell’Associazione USPL e dei membri del consiglio direttivo.

Vaccini mai testati sulla trasmissione: l’ammissione di Pfizer sbugiarda media e autorità

“Non l’avevamo testato…”. Rivelazione choc di Pfizer sul vaccino.

Nella giornata del 10 ottobre, al Parlamento Europeo, si è tenuta l’audizione sulla legittimità dei contratti conclusi da Ursula Von Der Leyen ed il ceo di Pfizer, Albert Bourla, il quale però si è rifiutato di testimoniare dinanzi ai vertici Ue. L’oggetto dell’indagine sono stati proprio gli acquisti dei vaccini Covid-19 per una somma pari a ben 71 miliardi di euro, cifra che corrisponderebbe a 4 miliardi e mezzo di dosi, ovvero 10 per ciascun cittadino europeo.

Poche ore fa, specificatamente, si è discusso sulla legittimità della terza fornitura di sieri – pari a quasi due miliardi di dosi – che la presidente della Commissione Europea ha negoziato autonomamente con il numero uno di Pfizer. Alle richieste delle settimane scorse di pubblicare gli sms scambiati tra i due, Ursula non ha mai risposto. Ed è da lì che sono nati i primi sospetti su una possibile violazione delle procedure di trasparenza per i contratti Ue.

In sostituzione di Albert Bourla, ha presenziato Janine Small, presidente dei mercati internazionali di Pfizer, la quale, alla domanda dell’eurodeputato Ross se la casa farmaceutica avesse testato la capacità del vaccino di bloccare il contagio, ha risposto – ridendo – con un secco no: “Dovevamo muoverci alla velocità della scienza per capire cosa succedeva”.

La confessione è rilevante almeno sotto due aspetti fondamentali. Da una parte, viene sbugiardata l’intera narrazione che colpevolizzava il non vaccinato circa l’aumento dei contagi; dall’altra, è fatta a pezzi l’utilità del green pass, mezzo applicato dal governo Draghi e presentato come “garanzia a ritrovarsi tra persone non contagiose”, come affermato dallo stesso premier lo scorso luglio.

La dimostrazione è lampante se guardiamo il bollettino Covid di ieri: 70mila contagi e 80 morti, nonostante la popolazione italiana sia vaccinata per oltre il 90 per cento del totale. A ciò, ricordiamo, si aggiunge un quasi 4 per cento di cittadini che, avendo contratto il virus, hanno sviluppato gli anticorpi anche senza la somministrazione del siero. Insomma, in una situazione di vera e propria immunità di gregge, il contagio continua a galoppare, così come il virus influenzale, indipendentemente dal fatto che ci si sia vaccinati oppure no.

anti fake news pfizerSi badi bene. Chi scrive non contesta il ruolo decisivo che il siero ha avuto nella salvaguardia della vita, soprattutto per i soggetti fragili ed anziani. Nonostante tutto, non si può neanche ragionare in un’ottica di salute talebana, secondo cui il vaccino sarebbe il rimedio efficace sia contro la malattia, che contro il contagio, e per tutte le fasce della popolazione. Il dato, avvalorato anche dalle dichiarazioni dei vertici di Pfizer, è oggettivo: il green pass è stato uno strumento che ha discriminato, spaccato, frammentato i cittadini italiani, sul falso assunto della protezione dalla trasmissione virale.

A ciò, quindi, si deve aggiungere la smentita alla tesi di Roberto Burioni, il quale – vaccinato, ma contagiato – ha affermato di recente che “fino alla variante Delta, ci vaccinavamo anche per proteggere gli altri”. Frase che fa a pugni con l’intervento al Parlamento Europeo della presidente Small. Due anni di sviolinate delle nostre viro-star sono state abbattute da una dichiarazione di pochi secondi. L’ennesimo fallimento di chi si autoproclamava competente.

Lunedì, al Parlamento europeo, si è svolta l’audizione di Janine Small, presidente della sezione della Pfizer dedicata allo sviluppo dei mercati internazionali. Al suo posto ci sarebbe dovuto essere Albert Bourla, amministratore delegato della casa farmaceutica, per rispondere a domande scomode riguardo alle modalità di stipulazione dei contratti e per chiarire la questione sui messaggi privati che si era scambiato con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. 

“NON SAPEVAMO SE I SIERI ANTI-COVID IMMUNIZZASSERO”, LA CLAMOROSA AMMISSIONE DI PFIZER A BRUXELLES

Tante domande, poche risposte. Così potrebbe essere sintetizzata l’ultima audizione della Commissione Covi tenutasi nel palazzo dell’Europarlamento, a Bruxelles, e che ha ospitato tra gli altri Janine Small, ineffabile direttrice commerciale della Pifzer, intervenuta in sostituzione dell’amministratore delegato Alberto Bourla, la cui assenza è stata fortemente stigmatizzata nel corso dell’incontro.

Numerosi, ma per lo più inutili, gli inviti a rispondere senza reticenze che i membri della Commissione e la sua stessa presidente hanno rivolto alla rappresentante del gigante farmaceutico statunitense.

Non ha nascosto la propria irritazione Kathleen Van Brempt, presidente della Commissione, si è rivolta alla rappresentante Pfizer con queste parole:

Per cortesia risponda, risponda se è possibile. Se non ha le risposte dica che non ha le risposte. Risponda sui messaggi WhatsApp e Sms, è importante che ci sia una risposta sull’impennata dei prezzi. Dia una risposta!”.

Uno dei temi maggiormente contestati dalla Commissione è stato il negoziato per l’acquisto dei vaccini condotto in sfregio ai basilari principi di trasparenza attraverso una corrispondenza di messaggini telefonici tra Albert Bourla e Ursula Von Der Leyen. Uno scambio di cui la rappresentante Pfizer ha finalmente ammesso l’esistenza:

Quanti messaggini si sono scambiati non lo so. Non posso dirvi neppure io quanti ne ho ricevuti dai leader del mondo. Non è che mi metto con il pallottoliere a controllare il messaggini”.

vaccini per covid mai testati sulla trasmissione ammissione di pfizer sbugiarda media e autorità

Ad ogni modo, tra improbabili rassicurazioni e vaghe promesse, qualche risposta la Pfizer alla fine l’ha fornita, ad esempio che sui prezzi di acquisto dei vaccini da parte dell’UE vige il segreto più impenetrabile.

“Oggi si è parlato a più riprese dei prezzi,” ha tagliato corto Janine Small, “la cosa più importante per me è che non si discute di prezzi. I prezzi sono riservati, la politica dei prezzi… sarete molto frustrati lo so, lo vedo dai vostri volti, però queste sono le mie risposte”.

Ma il colpo di scena che ha fatto sobbalzare la commissione, si è verificato quando la Small ha dovuto rispondere ad una precisa domanda dell’europarlamentare olandese Robert Roos, che le aveva chiesto se la multinazionale aveva prodotto degli studi sulla capacità dei suoi sieri a mRNA di bloccare la trasmissione del virus prima dell’immissione sul mercato.

Queste sono state le parole con cui l’europarlamentare si è rivolto alla rappresentante Pfizer: Il vaccino Pfizer Covid era stato testato per porre fine alla trasmissione del Covid prima di essere immesso sul mercato? Se no lo dica a chiare lettere. Se sì, vuole mettere a disposizione della nostra Commissione questi dati?”

Janine Small ha quindi ammesso: “Venendo alla domanda se sapevamo dell’immunizzazione al momento dell’immissione sul mercato dei vaccini Covid, la risposta è no. Dovevamo muoverci alla velocità della scienza.”

Dunque è ora la stessa Pfizer mettere il suggello definitivo sulle menzogne che tuttora rappresentano la premessa giuridica agli obblighi vaccinali e al green pass: coercizioni in buona misura ancora in vigore e che dopo l’ammissione della rappresentate Pfizer appaiono ancor più inaccettabili. Zero risposte invece sui danni da vaccino, su questo tema Janine Small si è rifugiata nelle solite, vaghe formule che potremmo sentire da una qualsiasi virostar in televisione.

Nonostante la defezione di Bourla e l’irritazione di Kathleen Van Brempt, presidente della Commissione, non è mancato un colpo di scena. Rob Roos, eurodeputato olandese del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, ha rivolto alla Small una domanda secca, prendendola in contropiede. «Il vaccino Pfizer Covid è stato testato per fermare la trasmissione del virus prima che entrasse nel mercato?». Small ha risposto con un sorriso beffardo: «Mi chiede se sapevamo che il vaccino interrompesse o no la trasmissione prima di immetterlo sul mercato? Ma no. Sa, dovevamo davvero muoverci alla velocità della scienza».

La dichiarazione della dirigente di Pfizer è diventata virale, in verità più sui social che non sui media mainstream, che alla notizia hanno dedicato poca o nulla attenzione, se non con goffi tentativi di debunking come nel caso del giornale Open.

L’ammissione di Small sgretola definitivamente le basi scientifiche sulle quali si poggiavano i Decreti Legge sull’introduzione del green pass e dell’obbligo vaccinale. Ha inoltre dimostrato come fosse infondato il paternalismo con cui si è inculcato nei cittadini un presunto dovere civico a vaccinarsi per non far ammalare le altre persone (Licia Ronzulli: «Chi non si vaccina è un irresponsabile, egoista e opportunista»).

Ora è definitivamente certificato che la dichiarazione del luglio 2021 fatta da Mario Draghi a supporto dell’introduzione del green pass come «garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose» era una bufala. Ancora il 15 dicembre 2021 a Montecitorio, Draghi ribadiva il concetto, invitando a sottoporsi alla terza dose: «Vaccinarsi è essenziale per proteggere noi stessi, i nostri cari, la nostra comunità. Ed è essenziale per continuare a tenere aperta l’economia, le scuole, i luoghi della socialità, come siamo riusciti a fare fino ad ora».

Come accennato, inutile il tentativo di debunking di Open, per cui “I vaccini non prevengono il contagio, bensì le forme gravi di Covid”. La narrazione mainstream, volta a convertire l’opinione pubblica sulla strada per gli hub vaccinali, si è per mesi assestata sul mantra che l’efficacia del vaccino fosse quasi totale e che il siero bloccasse la trasmissione del contagio, modificandosi solo alla prova dei fatti nei mesi successivi.

Nel novembre 2020 era stata proprio Pfizer a dichiarare che i primi dati mostravano che il suo vaccino sperimentale aveva un’efficacia di oltre il 90% nel prevenire il Covid-19. «Questo è un momento storico», aveva commentato detto in un’intervista Kathrin Jansen, vicepresidente senior e capo della ricerca e sviluppo sui vaccini presso Pfizer. Secondo Ugur Sahin, co-fondatore di BioNTech, «il vaccino potrebbe impedire a oltre il 90% delle persone di contrarre il Covid-19». La notizia era stata commentata con entusiasmo da Joe BidenAnthony Fauci e Rochelle Walensky, direttrice del CDC, secondo cui i vaccini anti-Covid «riducono il rischio di infezione del 91% per le persone completamente vaccinate».

L’idea che il vaccino bloccasse il contagio è stata promossa dalla politica che su questo falso pilastro ha costruito un sistema di misure draconiane. Su queste false premesse scientifiche si è poi indotta la criminalizzazione dei non vaccinati (Pierpaolo Sileri: «Renderemo difficile la vita ai no vax, sono pericolosi»; Giuliano Cazzola: «Serve Bava Beccaris, vanno sfamati col piombo»; Matteo Bassetti: «Vanno trattati come tali, sono un movimento sovversivo, sono dei terroristi») e la patologizzazione del dissenso (Umberto Galimberti: « I no vax sono pazzi e vanno curati»). Ai renitenti all’inoculazione sono state così addossate tutte le colpe della società e si è auspicato persino di far loro pagare le cure in caso di ricovero ospedaliero.

I media hanno alimentato questa spirale di violenza (ad esempio il direttore di DomaniStefano Feltri: «Escludiamo chi non si vaccina dalla vita civile»), invitando a stanare i dissidenti e ancorando nell’opinione pubblica l’idea che un non vaccinato fosse malato e un pericoloso untore. Ora, grazie all’ammissione di Janine Small, questo castello di menzogne sta definitivamente crollando.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per votarla!

Voto medio 4.7 / 5. Conteggio voti: 51

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo post non ti sia stato utile!

Miglioriamo questo post!

Ci racconti come possiamo migliorare questo post?


C’È UNA SOLA ASSOCIAZIONE SINDACALE LIBERA E INDIPENDENTE: TI SEI RICORDATO DI SOSTENERLA?

Sostieni USPL con la tua donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Fino al nostro ultimo aggiornamento, avvenuto il 8 Aprile 2024 @ 10:37, abbiamo realizzato un totale di 144 articoli, per un totale di 344,203 parole, all’interno di 25 categorie e abbiamo un totale di 21 utenti registrati al nostro social network dei leoni. E vi abbiamo mostrato in maniera integrale quello che da nessun altra parte sul web avreste mai visto. Tantissimi italiani che hanno seguito o seguono i nostri contenuti, li hanno trovati interessanti.

Tutto questo, lo abbiamo realizzato solo con le vostre donazioni. Per essere indipendenti. Per non avere debiti, né di riconoscenza, né finanziari.

Se credi che il nostro lavoro sia importante, ricordati di sostenerlo, perchè ci sono cose nella vita di cui si sente la mancanza solo quando non ci sono più e 25 donatori, che hanno effettuato 31 donazioni, donandoci un totale di 787,38 € hanno già creduto in noi e in quello che sinora abbiamo fatto e faremo in futuro.

Scegli di supportare il nostro lavoro contribuendo a coprire le spese di gestione del sito web, del blog, i vari progetti, partecipazione a iniziative, eventi accessibili e manifestazioni che intendiamo promuovere.



Cause che necessitano la tua urgente attenzione

Dona con PayPal o Carta di credito qui di seguito:


Oppure dona con Bonifico Bancario:



È possibile sostenere l’associazione USPL Unione Sindacale Per La Libertà attraverso una donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Ecco l’albo d’oro dei cavalieri di USPL, che stanno combattendo la battaglia della libertà di informazione:

  1. Maken Staniscia

    100,00 €
    Dobbiamo andare avanti fiduciosi in ciò che crediamo e facciamo
  2. Gianfranco Cilia

    50,00 €
  3. Cristian Patti

    20,00 €
  4. Anonimo

    13,00 €
  5. Anonimo

    2,38 €
    Bravissimi
  6. Anonimo

    42,00 €
    bravissimi
  7. Mario Principato

    30,00 €
  8. Anonimo

    20,00 €
  9. Davide Piccione

    5,00 €
  10. salvatore vitaliti

    5,00 €
  11. Maria Grazia Costa

    5,00 €
  12. Sonia Vitale

    5,00 €
  13. Anonimo

    5,00 €
  14. Maria Carmela Pardi

    15,00 €
  15. Claudia Baldini

    25,00 €
    Bravi
  16. Nadia Castello

    20,00 €
  17. Maken Staniscia

    180,00 €
  18. Maria Grazia Costa

    10,00 €
  19. Gabriella Strangis

    5,00 €
  20. Emilia Galanti

    5,00 €
  21. Giulia Abbate

    5,00 €
  22. salvatore vitaliti

    20,00 €
  23. Eva Intagliata

    50,00 €
  24. Alessia Cesare

    10,00 €
  25. Gianfranco Cilia

    100,00 €
  26. Giuseppe Scarlata

    20,00 €
  27. Giovanna Cravotta

    10,00 €
  28. Salvatore Ruben Spatola

    5,00 €
  29. Angela Rindone

    5,00 €


Gentile lettore,

voglio esprimere la mia più sincera gratitudine per aver visitato questa pagina e per il contributo che stai per concedere al sito Uspl.it, noi non abbiamo sponsor o altri contributi tranne il tuo, con la tua donazione ci aiuterai ad andare avanti per fornire quell’informazione libera in cui noi tutti crediamo.

Sostieni il uspl.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per garantire un’informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale, delle azioni atte a far crollare l’economia e molti altri temi da un’altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l’informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de uspl.it e difendi l’informazione libera!

A nome di tutta la direzione, Grazie!



Condividi se ti piace:

Partecipa alla discussione scrivendo un commento

>