3247746607

Von der Leyen minaccia l’Italia: “Elezioni? Abbiamo tutti gli strumenti”. Ricatto alla democrazia

von der leyen ricatta italia
Condividi se ti piace:

73 / 100
Tempo di lettura: 7 minuti

ajax loader

Elezioni, von der Leyen avvisa e minaccia l’Italia: «se le cose vanno male, abbiamo gli strumenti». Parole che fanno orrore. Parole che fanno paura. Parole che dicono tutto. Leggi l’articolo adesso per saperne di più!

Sponsorizzato
Questo articolo ha una valutazione di

4.7
(49)

Valutalo, dopo averlo letto, alla fine dell’articolo.

Spendi i prossimi 2 minuti a fare una donazione a Uspl.it, e passerai i prossimi 12 mesi fiero di essere stato fra quelli che non hanno mai smesso di credere, neppure per un secondo, che prima o poi il cambiamento sarebbe arrivato. Grazie, come sempre!

Sostienici

IMPORTANTE: le opinioni espresse nelle interviste, negli interventi, negli editoriali e in tutti i contenuti pubblicati sulle piattaforme di pertinenza, non rispecchiano necessariamente le opinioni dell’Associazione USPL e dei membri del consiglio direttivo.

Elezioni, von der Leyen avvisa e minaccia l’Italia: «se le cose vanno male, abbiamo gli strumenti»

Von der Leyen minaccia l’Italia: “Elezioni? Abbiamo tutti gli strumenti”. Ricatto alla democrazia

Parole che fanno orrore. Parole che fanno paura. Parole che dicono tutto. Ecco l’Europa matrigna in tutta la sua stortura. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen rispondendo a una domanda a Princeton sul possibile risultato delle elezioni in Italia, dato che, è stato fatto notare, tra i candidati vi sono figure vicine a Putin, ha risposto: “Vedremo il risultato del voto in Italia, ci sono state anche le elezioni in Svezia. Se le cose andranno in una direzione difficile, abbiamo degli strumenti, come nel caso di Polonia e Ungheria”. Ma vi rendete conto? Se non è questa un’interferenza sul voto, cosa altro ci dobbiamo aspettare? Abituati come sono a scegliere loro i nostri presidenti del consiglio, ora parlano addirittura di “strumenti” se le cose non dovessero andare come loro vogliono. (Continua a leggere dopo la foto)

von der leyen minaccia l’italia: “elezioni? abbiamo tutti gli strumenti”. ricatto alla democrazia

Come riporta anche Rai News, nel dibattito che si è tenuto a Princeton, von der Leyen ha sottolineato che “la democrazia ha bisogno di ognuno di noi, è un lavoro costante, non è mai al sicuro”. Parlando delle misure a disposizione dell’Europa per tutelare lo stato di diritto ha citato i casi di Polonia e Ungheria, dove si sono verificati problemi con “l’indipendenza della magistratura” e sulla “corruzione”. Sul possibile risultato elettorale in Italia ha aggiunto: “Il mio approccio è che noi lavoriamo con qualunque governo democratico che è disposto a lavorare con noi”. (Continua a leggere dopo la foto)

von der leyen e mario draghi

Ha poi concluso von der Leyen: “È interessante vedere la dinamica dei lavori del Consiglio Europeo, non c’è solo un Paese che arriva è dice ‘voglio, voglio, voglio’, ma all’improvviso sei nel Consiglio e realizzi che il tuo futuro, e il tuo benessere, dipende anche dagli altri 26 Stati membri. So che a volte siamo lenti e che parliamo molto, ma anche questo è il bello della democrazia. Dunque vedremo come vanno queste elezioni: anche le persone, a cui i governi devono rispondere, giocano un ruolo importante”. (Continua a leggere dopo la foto)

von der leyen e scholz

Nel corso della sua analisi, la von der Leyen si era soffermata sugli strumenti utilizzati contro Varsavia e contro Budapest, rispettivamente il blocco dei fondi del Pnrr e lo stop ai fondi di Coesione con il meccanismo di condizionalità allo Stato di diritto. Sul punto ha rimarcato: “La Commissione europea è il guardiano dei Trattati. Li deve proteggere e difendere e ha gli strumenti legali per farlo”. L’avviso per l’Italia e per il prossimo governo è piuttosto categorico: le contromisure sono già pronte. O si fa come dicono loro, o addio fondi del Pnrr. Un motivo in più, il 25 settembre, per astenersi dal voto o votare partiti assolutamente anti-sistema.

«Se le cose vanno in una direzione difficile – ho già parlato di Ungheria e Polonia – abbiamo gli strumenti»: sono le parole che la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha pronunciato in riferimento alle elezioni italiane di domenica 25 settembre, rispondendo ad una domanda alla fine del suo intervento all’università di Princeton, vicino New York. La preoccupazione della Commissione è quella che vinca un partito considerato di “estrema destra” – implicito è il riferimento al partito di Giorgia Meloni – che possa mettere in discussione le politiche europee e discostarsi dai parametri socioeconomici e dai rigidi controlli sui conti pubblici imposti da Bruxelles.

Il riferimento a Ungheria e Polonia non è casuale. Si tratta di due stati già al centro delle attenzioni del Parlamento e della Commissione europea e accusati di “sovranismo” con ripetute azioni volte a congelarne l’accesso ai fondi europei. Il meccanismo è ormai rodato: i Paesi che non rientrano nei rigidi parametri ideologici e normativi fissati dai vertici europei vanno “rieducati” e riportati nel solco delle politiche comunitarie sfoderando appunto gli «strumenti» evocati dalla von der Leyen: lo “spread” e l’elargizione – condizionata – dei fondi del Pnrr. È infatti possibile sospendere i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che comunque, è bene ricordarlo, in buona parte non sono trasferimenti, ma prestiti concessi solo a patto che vengano effettuate precise riforme, tra cui la più importante è quella che riguarda nuovi pacchetti di “liberalizzazioni”. Mentre sul potere dello spread il caso più eclatante dal passato riguarda proprio l’Italia, quando nel 2011 il governo Berlusconi venne di fatto obbligato alle dimissioni sotto la pressione dei mercati finanziari e poi sostituito dal governo tecnico guidato dall’ex commissario europeo Mario Monti.

Del resto, stiamo parlando di una ben precisa forma di democrazia che non ricalca quella espressa dall’etimologia del termine: si tratta della “democrazia” dei mercati e delle banche che già aveva descritto bene nel 2018 il commissario europeo al bilancio Gunther Oettinger con una frase tanto concisa quanto chiarificatrice: «I mercati insegneranno agli italiani a votare» aveva detto il commissario, salvo poi dover rapidamente tornare sui suoi passi scusandosi con gli italiani. Ma il concetto di democrazia dei tecnici di Bruxelles era ormai già ampiamente trapelato e la recente dichiarazione della von der Leyen non è altro che una variazione, altrettanto esplicita, dell’affermazione di Oettinger, con la differenza che la von der Leyen non sembra avere l’intenzione di scusarsi. (Continua a leggere dopo la foto)

von der leyen

La presidente dell’esecutivo europeo ha parlato con preoccupazione anche dei recenti esiti elettorali svedesi dove ha prevalso la coalizione di centrodestra: anche in questo caso, i partiti “euroscettici” o non aderenti completamente alla linea europeista sono considerati potenzialmente pericolosi, ossia non democratici, in quanto minacciano di non rispettare le indicazioni della Commissione sui parametri di Maastricht e sullo Stato di diritto. «La democrazia è un costante lavoro in corso, non è mai al sicuro. Non puoi metterla in una scatola e basta» ha asserito la von der Leyen e ancora con riferimento alle elezioni italiane ha aggiunto: «Vedremo l’esito. Abbiamo avuto elezioni anche in Svezia. Il mio approccio è che qualunque governo democratico sia disposto a lavorare con noi, noi lavoriamo insieme».

Da par suo, Giorgia Meloni ha da tempo giurato fedeltà alle regole europee e alla collocazione euroatlantica dell’Italia. Evidentemente consapevole delle regole del gioco nelle ultime settimane ha ripetutamente ribadito che non intendere violare i vincoli di bilancio stabiliti da Bruxelles e ha ribadito la salda adesione dell’Italia alla NATO, dimostrandola con i voti allineati al governo Draghi in tema di corsa agli armamenti, donazioni militari all’Ucraina e sanzioni alla Russia. Da Bruxelles preferiscono evidentemente continuare a sottolineare il punto, nonostante le preoccupazioni appaiano a questo punto ingiustificate. Analoghi avvertimenti, seppur più misurati nella forma, sono arrivati nelle ultime ore anche da Washington, tramite un alto funzionario dell’amministrazione Biden che, a margine dei lavori dell’Assemblea generale dell’Onu, ha affermato che chiunque sarà il nuovo premier italiano, Biden dovrà «averci una conversazione precoce e prendere le misure». In tutto questo, sui principali media italiani, ancora si sposta il fuoco dell’opinione pubblica da queste intromissioni, continuando a parlare di fantomatiche ingerenze russe nelle elezioni italiane, seppur senza alcuna prova a supporto.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per votarla!

Voto medio 4.7 / 5. Conteggio voti: 49

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo post non ti sia stato utile!

Miglioriamo questo post!

Ci racconti come possiamo migliorare questo post?


C’È UNA SOLA ASSOCIAZIONE SINDACALE LIBERA E INDIPENDENTE: TI SEI RICORDATO DI SOSTENERLA?

Sostieni USPL con la tua donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Fino al nostro ultimo aggiornamento, avvenuto il 28 Novembre 2022 @ 00:27, abbiamo realizzato un totale di 109 articoli, per un totale di 280,106 parole, all’interno di 21 categorie e abbiamo un totale di 17 utenti registrati al nostro social network dei leoni. E vi abbiamo mostrato in maniera integrale quello che da nessun altra parte sul web avreste mai visto. Tantissimi italiani che hanno seguito o seguono i nostri contenuti, li hanno trovati interessanti.

Tutto questo, lo abbiamo realizzato solo con le vostre donazioni. Per essere indipendenti. Per non avere debiti, né di riconoscenza, né finanziari.

Se credi che il nostro lavoro sia importante, ricordati di sostenerlo, perchè ci sono cose nella vita di cui si sente la mancanza solo quando non ci sono più e 19 donatori, che hanno effettuato 22 donazioni, donandoci un totale di 500,00 € hanno già creduto in noi e in quello che sinora abbiamo fatto e faremo in futuro.

Scegli di supportare il nostro lavoro contribuendo a coprire le spese di gestione del sito web, del blog, i vari progetti, partecipazione a iniziative, eventi accessibili e manifestazioni che intendiamo promuovere.



Cause che necessitano la tua urgente attenzione

Dona con PayPal o Carta di credito qui di seguito:


Oppure dona con Bonifico Bancario:

Beneficiario: Soldo
IBAN: IT47Z03268223000VR000048486
BIC/Swift: SELBIT2BXXX
Banca: Banca Sella
Identificativo causale: 58321845
(Il codice identificativo causale è obbligatorio e va inserito così come mostrato, come causale per ogni bonifico)
Indirizzo banca: Piazza Gaudenzio Sella, 1 – 13900 BIELLA
Indirizzo beneficiario: C/O WeWork, 119 Marylebone Road, NW1 5PU London, UK


È possibile sostenere l’associazione USPL Unione Sindacale Per La Libertà attraverso una donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Ecco l’albo d’oro dei cavalieri di USPL, che stanno combattendo la battaglia della libertà di informazione:

  1. Sonia Vitale

    5,00 €
  2. Maria Grazia Costa

    5,00 €
  3. salvatore vitaliti

    5,00 €
  4. Davide Piccione

    5,00 €
  5. Maria Carmela Pardi

    5,00 €
  6. Anonimo

    5,00 €
  7. Claudia Baldini

    25,00 €
    Bravi
  8. Nadia Castello

    20,00 €
  9. Maken Staniscia

    180,00 €
  10. Maria Grazia Costa

    10,00 €
  11. Gabriella Strangis

    5,00 €
  12. Emilia Galanti

    5,00 €
  13. Giulia Abbate

    5,00 €
  14. salvatore vitaliti

    20,00 €
  15. Eva Intagliata

    50,00 €
  16. Alessia Cesare

    10,00 €
  17. Gianfranco Cilia

    100,00 €
  18. Giuseppe Scarlata

    20,00 €
  19. Giovanna Cravotta

    10,00 €
  20. Salvatore Ruben Spatola

    5,00 €
  21. Angela Rindone

    5,00 €


Gentile lettore,

voglio esprimere la mia più sincera gratitudine per aver visitato questa pagina e per il contributo che stai per concedere al sito Uspl.it, noi non abbiamo sponsor o altri contributi tranne il tuo, con la tua donazione ci aiuterai ad andare avanti per fornire quell’informazione libera in cui noi tutti crediamo.

Sostieni il uspl.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per garantire un’informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale, delle azioni atte a far crollare l’economia e molti altri temi da un’altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l’informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de uspl.it e difendi l’informazione libera!

A nome di tutta la direzione, Grazie!



Condividi se ti piace:

Partecipa alla discussione scrivendo un commento

>
Il nostro team di assistenza clienti è qui per rispondere alle tue domande. Chiedici qualsiasi cosa!