3247746607

Video che espone alle telecamere lo show del finto arresto di Greta Thunberg del 17 Gennaio 2023

falso arresto greta thunberg
Condividi se ti piace:

Tempo di lettura: 11 minuti

ajax loader

I media di tutto il mondo hanno riportato l’arresto dell’attivista per il clima in Germania. Ma un nuovo video, che sta girando virale sul web, contraddice le prime segnalazioni e dimostra che è tutta una finzione, per promuovere il business del green e della quarta rivoluzione industriale di Schwab e dei potenti del mondo. Leggi l’articolo adesso per saperne di più!

Sponsorizzato

La detenzione di Greta Thunberg è stata filmata in più riprese. La polizia non era abbastanza fotogenica con l’eco-attivista in braccio.

Greta Thunberg è stata arrestata (un finto arresto come si può notare da foto e video, una semplice messa in scena quindi) durante le proteste in Germania, dove ha partecipato a una protesta nel villaggio di Lützerath, vicino a una miniera di carbone. Dichiarano per il fatto che sta per essere demolito per iniziare l’attività mineraria. I residenti locali sono obbligati a liberare le loro case entro la fine di gennaio, ma gli attivisti ambientalisti capitanati dalla pedina dei potenti Greta, lo stanno impedendo il più possibile facendo la solita propaganda green mediatica.

greta thunberg finto arresto

Martedì scorso, un gruppo di persone ha camminato in direzione della miniera di lignite di Garzweiler, nonostante sia vietato trovarsi lì. Questo ha portato (così dicono i mass media allineati con il sistema) a scontri con gli agenti di polizia che hanno usato manganelli e spray al peperoncino (addirittura?!?!).

Naturalmente le immagini “più impressionanti” della “detenzione” (abbiamo messo tra virgolette queste parole non per caso…) erano quelle della giovane attivista tra le braccia delle forze dell’ordine, ma entrambi hanno dovuto fare del loro meglio in senso letterale per il bene di queste immagini. Questo filmato mostra tutte le persone coinvolte nella messa in scena che aspettano il segnale dei cameraman per iniziare le loro azioni e per inscenare il finto arresto.

“Aspetta, riprendiamo da un’altra angolazione”, si sente una voce fuori campo.

Mentre le telecamere sono allineate, Greta e la polizia aspettano pazientemente e si scambiano anche un sorriso (mah!).

Una volta che l’attrezzatura è pronta, gli agenti di polizia afferrano la ragazza e la portano via. Per qualche motivo la sollevano anche per i piedi.

Le immagini fresche sono subito finite sulle prime pagine delle principali riviste europee con didascalie sulle atrocità del sanguinario regime di Scholz che reprime la protesta democratica degli eco-attivisti (la solita propaganda del green).

the times greta thunberg fake news

greta thunberg in braccio alla polizia finto arresto

È stato un bellissimo servizio fotografico ed ecco il video preparato a dovere per la stampa mondiale asservita ai poteri forti. Greta è guidata dagli slogan dei suoi compagni d’armi che dissentono a gran voce dalle azioni delle autorità.

Anzi, una grande mossa di PR. Solo che, come sempre, qualcosa è andato storto.

Il video delle preparazioni è stato quasi subito diffuso su Internet, screditando sia Thunberg, che le finte atrocità della polizia. Forse la prossima volta si dovrebbe prendere un impegno di non mentire alla gente…

greta thunberg pedina finta emergenza climatica

Video che espone alle telecamere lo show del finto arresto di Greta Thunberg

La pedina del clima Greta Thunberg è stata giustamente criticata per aver falsificato e mentito sull’arresto durante una protesta tedesca

La marionetta climatica autistica dei globalisti, Greta Thunberg, è stata sorpresa a mentire dopo aver affermato che la polizia l’ha “bollita” e altri che protestavano contro una miniera di carbone tedesca.

“Ieri ho fatto parte di un gruppo che ha protestato pacificamente contro l’espansione di una miniera di carbone in Germania”, ha postato martedì su Twitter. “Siamo stati bolliti dalla polizia e poi arrestati, ma più tardi quella sera siamo stati rilasciati. La protezione del clima non è un crimine”.

Un’immagine di Thunberg che sorride mentre viene trasportata da agenti di polizia è diventata virale martedì con utenti liberali di Twitter che l’hanno condivisa ampiamente e dimostra che è un finto arresto, un falso arresto eseguito tra le altre cose anche male.

fake news emergenza climatica finto arresto greta thunberg

Un video, modificato volutamente dai mass media per diffondere la fake news, della polizia che trasporta Thunberg è stato anche diffuso online per promuovere l’affermazione che è stata arrestata per aver protestato pacificamente.

Tuttavia, il video dell’arresto (finto) è presto emerso e ha dimostrato che l’affermazione di Thunberg di essere stata arrestata dopo essere stata “bollita” dalle forze dell’ordine era completamente falsa.

Nel filmato, Thunberg e altri sorridono e ridono mentre un paio di agenti si mettono in posa per i fotografi come se fossero pronti ad accogliere l’attivista.

La detenzione messa in scena è stata derisa online e guardata milioni di volte.

Se inizialmente l’opinione pubblica ha descritto l’attitudine di Greta come forte e coraggiosa, ad oggi qualcosa è decisamente cambiato.

Difatti stanno diventando virali le riprese antecedenti all’ “finto arrresto” della Thunberg, ovvero i “fuori onda”, dove l’attivista ride e scherza con i cameraman e le persone a lei circostanti.

Invece secondo Reuters , il giovane attivista, insieme a un gruppo di manifestanti, è stato avvertito dalla polizia che sarebbero stati “rimossi con la forza” se non avessero lasciato il sito della miniera.

Reuters ha anche riferito che Thunberg è stato rilasciato dalla custodia dopo un controllo di identità da parte delle forze dell’ordine. E a noi di USPL vien da ridere per queste sue false affermazioni!

Insomma, una ragazza che fa sul serio… o forse no? 🤡

“l’arresto” dietro le quinte …. Ciak, si gira!

Di seguito il video di Greta Thunberg e del presunto arresto:

👇👇👇👇👇👇

[video width="640" height="350" mp4="https://www.uspl.it/wp-content/uploads/2023/01/The-FAKE-Arrest-of-Greta-Thunberg.mp4" poster="https://www.uspl.it/wp-content/uploads/2023/01/greta-thunberg-fake-news.webp" webm="https://www.uspl.it/wp-content/uploads/2023/01/The-FAKE-Arrest-of-Greta-Thunberg.webm"][/video]

Avete guardato e ascoltato il video? BENE, adesso ecco come invece presentano il fatto i media mainstream che diffondono fake news! Eccovi un esempio di ciò che scrivono su questo FALSO ARRESTO:

“Durante la giornata di ieri, l’attivista svedese del clima Greta Thunberg è stata fermata ed in seguito portata via di peso da agenti di polizia in tenuta antisommossa.

La Thunberg si trovava  presso la miniera di lignite di Garzweiler, dov’era seduta in segno di protesta insieme ad una settantina di altri attivisti.

Difatti l’area tedesca intorno a Luetzerath, in Nordreno-Vestfalia, è stata investita da numerose proteste ecologiche, in quanto il villaggio tedesco sarà destinato a un sito di estrazione di carbone da parte dell’azienda energetica Rwe.”

Adesso vi rendete conto di quanto sia FALSA, MANIPOLATA ed IPOCRITA l’informazione dei mass media pagati per dire falsità e bugie?

Il green e l’emergenza climatica altro non sono che un altro business e una scusa per attuare un altro metodo di controllo messo in atto da poche potenti e ricchissime persone (dopo l’emergenza del coronavirus queste persone andranno avanti di emergenza in emergenza pur di arrivare al loro scopo che è il controllo sulla popolazione).

fake arrest greta thunberg germany show mass media fake news

Greta Thunberg era stata messa in pausa

Il potere mediatico crea, il potere mediatico distrugge.

Per un pò accende i riflettori su di te, dopo un pò li spegne. E sparisci dalla scena.

Almeno per qualche tempo, in attesa che torni (se mai è stabilito che torni) il tuo momento di gloria.

È quello che è successo a Greta Thunberg, che era scomparsa dai radar.

Non se ne parlava più. Non esternava più. Non lanciava più proclami. Che cosa era successo?

Era successo, detta in modo brutale, che non era più funzionale al grande potere globale, quello che oggi invece ha deciso di investire massicciamente sulla riconversione verde dell’apparato industriale, sulle zero emissioni, sullo stop al riscaldamento terrestre.

E, per tale motivo, ha deciso di diffondere una nuova apocalittica ecologista, con tanto di ammonimenti su disastri incombenti, come l’innalzamento dei livello dei mari, lo scioglimento dei ghiacci artici, la desertificazione del Sud del mondo.

Profetessa di questo nuovo verbo ecologista è, per l’appunto, la piccola e risoluta Greta, pedina e oggi collega dei potenti del mondo. Ogni sua invettiva è seguita da milioni e milioni di follower, da dirette streaming, da titoli in prima pagina e sontuosi servizi sui tg, che sono asserviti alle élite.

Per un periodo però non è stato più così. La guerra in Ucraina aveva bruscamente cambiato interessi e priorità. L’Occidente si era all’improvviso risvegliato dal sogno di un mondo senza più combustibili fossili, un mondo di mulini bianchi e di mucche sorridenti. Di gas e petrolio deve esserci bisogno ancora per anni.

Tant’è che proprio la Germania, capofila della transizione verde con i Verdi al governo, ha deciso di sospendere la chiusura delle centrali a carbone.

Chi se ne importa dell’effetto serra se la società e l’apparato industriale dell’Europa occidentale possono risparmiare qualcosa sull’importazione del gas nonché assicurarsi le scorte di energia necessarie a sostenere pil e tenore di vita.

Quando sono in gioco gli interessi economici, i tedeschi, si sa, non guardano in faccia a nessuno.

I circoli ecologisti mondiali non stanno a guardare e lanciano l’allarme.

Della loro preoccupazione si è fatto interprete nei giorni scorsi il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres: «Le conseguenze della guerra russa in Ucraina non solo rischiano di distruggere i mercati alimentari ed energetici globali, ma potrebbero anche minare l’agenda climatica globale. Se i paesi risponderanno all’aggressione della Russia aumentando il proprio uso di combustibili fossili, il conflitto rischia di allontanarci dal raggiungimento degli obiettivi globali sul clima».

L’Apocalisse poteva attendere e Greta Thunberg rischiava di rimanere a lungo in naftalina ma da poco, i potenti del mondo, hanno deciso di farla tornare alla ribalta, inscenando una finta protesta e un finto arresto.

La Pedina Del Clima Greta Thunberg È Stata Criticata Per Aver Falsificato E Mentito Sull’arresto Di Una Protesta Tedesca

La marionetta climatica autistica dei globalisti, Greta Thunberg, è stata sorpresa a mentire dopo aver affermato che la polizia l’ha “bollita” e altri che protestavano contro una miniera di carbone tedesca.

“Ieri ho fatto parte di un gruppo che ha protestato pacificamente contro l’espansione di una miniera di carbone in Germania”, ha postato martedì su Twitter. “Siamo stati bolliti dalla polizia e poi arrestati, ma più tardi quella sera siamo stati rilasciati. La protezione del clima non è un crimine”.

Quindi, si scopre che l’arresto di Greta Thunberg è falso quanto il culto del cambiamento climatico per cui lavora. Niente dice che il cambiamento climatico sia una truffa totale, proprio come Greta Thunberg che mette in scena il suo falso arresto.

“AOC è stato molto più bravo a farsi arrestare per finta rispetto a Greta Thunberg”, ha dichiarato Young in un tweet.

Il commentatore conservatore si riferiva al rappresentante di New York Alexandria Ocasio-Cortez , comunemente indicato come AOC, detenuto in estate dopo aver partecipato a un sit-in presso la Corte Suprema degli Stati Uniti per protestare contro il ribaltamento di Roe v. Wade. Diversi legislatori del GOP hanno accusato Ocasio-Cortez di aver finto di essere stato ammanettato nello scambio con le forze dell’ordine, cosa che il democratico ha negato.

Altri utenti di Twitter hanno elogiato la protesta di Thunberg, tra cui Peter Kalmus , uno scienziato del clima della NASA che come si ci può aspettare la difende (perchè sta dalla stessa parte dei potenti del mondo).

“Anche se le scene fossero state messe in scena, l’arresto di Greta Thunberg è motivo di imbarazzo mondiale per la Germania”, ha aggiunto Maue in risposta a un tweet del commentatore conservatore Ian Miles Cheong, che ha anche affermato che la detenzione di Greta Thunberg è stata messa in scena “per i media dell’establishment”.

falso arresto greta thunberg germania show mass media notizia falsa

Quando è stato chiesto un commento, il team dei media di Thunberg ha indirizzato Newsweek a un tweet pubblicato mercoledì mattina, in cui Thunberg ha affrontato l’interazione con le forze dell’ordine.

“Ieri ho fatto parte di un gruppo che ha protestato pacificamente contro l’ampliamento di una miniera di carbone in Germania”, si legge nel tweet. “Siamo stati bolliti dalla polizia e poi arrestati, ma siamo stati rilasciati più tardi quella sera. La protezione del clima non è un crimine”.

Greta nel mirino dell’opinione pubblica

I social sono già esplosi contro Greta, che è stata molto interrogata sullo show davanti alle telecamere in Germania.

Molti utenti su Twitter definiscono il suo sfratto un “falso arresto”.

“Niente dice che il cambiamento climatico sia una truffa totale come Greta Thunberg che mette in scena il suo finto arresto”, ha scritto su Twitter il commentatore politico e comico Tim Young.

“Sì, l’arresto di Greta Thunberg è stato messo in scena per i media dell’establishment”, ha detto l’attivista conservatore Ian Miles Cheong.

Ed ecco infine come diffondono false notizie i media mainstream, asserviti al potere. Meditate gente, meditate e non considerate come oro colato tutte le notizie che vi propinano giornali e mass media nazionali e internazionali pagati dal sistema per dire e diffondere (secondo un nostro modesto parere) false notizie. Giudicate voi stessi, eccovi un esempio di un articolo del sistema: https://www.adnkronos.com/greta-thunberg-su-suo-arresto-proteggere-clima-non-e-crimine_3gaaXBRWbQVcxzsPKdYjps

klaus schwab wef world economic forum

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per votarla!

Voto medio 4.6 / 5. Conteggio voti: 12

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo post non ti sia stato utile!

Miglioriamo questo post!

Ci racconti come possiamo migliorare questo post?


Questo articolo ha una valutazione di

4.6
(12)

Valutalo, dopo averlo letto, alla fine dell’articolo.

Spendi i prossimi 2 minuti a fare una donazione a Uspl.it, e passerai i prossimi 12 mesi fiero di essere stato fra quelli che non hanno mai smesso di credere, neppure per un secondo, che prima o poi il cambiamento sarebbe arrivato. Grazie, come sempre!

Sostienici

IMPORTANTE: le opinioni espresse nelle interviste, negli interventi, negli editoriali e in tutti i contenuti pubblicati sulle piattaforme di pertinenza, non rispecchiano necessariamente le opinioni dell’Associazione USPL e dei membri del consiglio direttivo.

C’È UNA SOLA ASSOCIAZIONE SINDACALE LIBERA E INDIPENDENTE: TI SEI RICORDATO DI SOSTENERLA?

Sostieni USPL con la tua donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Fino al nostro ultimo aggiornamento, avvenuto il 23 Gennaio 2023 @ 11:29, abbiamo realizzato un totale di 115 articoli, per un totale di 310,326 parole, all’interno di 22 categorie e abbiamo un totale di 25 utenti registrati al nostro portale di informazione libera.

E vi abbiamo mostrato in maniera integrale quello che da nessun altra parte sul web avreste mai visto. Tantissimi italiani che hanno seguito o seguono i nostri contenuti, li hanno trovati interessanti.

Tutto questo, lo abbiamo realizzato solo con le vostre donazioni. Per essere indipendenti. Per non avere debiti, né di riconoscenza, né finanziari.

Se credi che il nostro lavoro sia importante, ricordati di sostenerlo, perchè ci sono cose nella vita di cui si sente la mancanza solo quando non ci sono più e 20 donatori, che hanno effettuato 23 donazioni, donandoci un totale di 520,00 € hanno già creduto in noi e in quello che sinora abbiamo fatto e faremo in futuro.

Scegli di supportare il nostro lavoro contribuendo a coprire le spese di gestione del sito web, del blog, i vari progetti, partecipazione a iniziative, eventi accessibili e manifestazioni che intendiamo promuovere.



Cause che necessitano la tua urgente attenzione

Dona con PayPal o Carta di credito qui di seguito:


Oppure dona con Bonifico Bancario:



È possibile sostenere l’associazione USPL Unione Sindacale Per La Libertà attraverso una donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Ecco l’albo d’oro dei cavalieri di USPL, che stanno combattendo la battaglia della libertà di informazione:

  1. Anonimo

    20,00 €
  2. Sonia Vitale

    5,00 €
  3. Maria Grazia Costa

    5,00 €
  4. salvatore vitaliti

    5,00 €
  5. Davide Piccione

    5,00 €
  6. Maria Carmela Pardi

    5,00 €
  7. Anonimo

    5,00 €
  8. Claudia Baldini

    25,00 €
    Bravi
  9. Nadia Castello

    20,00 €
  10. Maken Staniscia

    180,00 €
  11. Maria Grazia Costa

    10,00 €
  12. Gabriella Strangis

    5,00 €
  13. Emilia Galanti

    5,00 €
  14. Giulia Abbate

    5,00 €
  15. salvatore vitaliti

    20,00 €
  16. Eva Intagliata

    50,00 €
  17. Alessia Cesare

    10,00 €
  18. Gianfranco Cilia

    100,00 €
  19. Giuseppe Scarlata

    20,00 €
  20. Giovanna Cravotta

    10,00 €
  21. Salvatore Ruben Spatola

    5,00 €
  22. Angela Rindone

    5,00 €


Gentile lettore,

voglio esprimere la mia più sincera gratitudine per aver visitato questa pagina e per il contributo che stai per concedere al sito Uspl.it, noi non abbiamo sponsor o altri contributi tranne il tuo, con la tua donazione ci aiuterai ad andare avanti per fornire quell’informazione libera in cui noi tutti crediamo.

Sostieni il uspl.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per garantire un’informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale, delle azioni atte a far crollare l’economia e molti altri temi da un’altra prospettiva è rischioso.

Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l’informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream.

Diventa anche tu sostenitore de uspl.it e difendi l’informazione libera!

A nome di tutta la direzione, Grazie!



Condividi se ti piace:

Sommario

Partecipa alla discussione scrivendo un commento

>
Il nostro team di assistenza clienti è qui per rispondere alle tue domande. Chiedici qualsiasi cosa!