3247746607

Covid, “Stop alle mascherine in volo”: cosa cambia dal 16 Maggio 2022

16 maggio mascherine volo
Condividi se ti piace:

83 / 100
Tempo di lettura: 7 minuti

ajax loader

Covid: L’obbligo di indossare la mascherina decade anche a bordo dei voli europei: il dispositivo resta comunque consigliato per le destinazioni a rischio. Secondo le nuove linee guida delle autorità europee, che come al solito devono dire qualche assurda frase per continuare a diffondere la paura, sarà “fortemente consigliata per chi starnutisce o tossisce”, quindi se hai un semplice raffreddore sei “pericoloso”. Leggi l’articolo adesso per saperne di più!

Questo articolo ha una valutazione di

4.6
(39)

Valutalo, dopo averlo letto, alla fine dell’articolo.

Spendi i prossimi 2 minuti a fare una donazione a Uspl.it, e passerai i prossimi 12 mesi fiero di essere stato fra quelli che non hanno mai smesso di credere, neppure per un secondo, che prima o poi il cambiamento sarebbe arrivato. Grazie, come sempre!

Sostienici

IMPORTANTE: le opinioni espresse nelle interviste, negli interventi, negli editoriali e in tutti i contenuti pubblicati sulle piattaforme di pertinenza, non rispecchiano necessariamente le opinioni dell’Associazione USPL e dei membri del consiglio direttivo.

Covid, dal 16 maggio stop all’obbligo di mascherina sugli aerei in UE

Dal 16 maggio decadrà anche l’obbligo di indossare le mascherine sui voli europei. (Continua a leggere dopo la foto)

covid

Questo è quanto hanno comunicato l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (Easa) e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

La decadenza dell’obbligo, però, come viene sottolineato non deve rappresentare un pretesto per abbassare la guardia, perché la mascherina “è ancora una delle migliori protezioni contro la trasmissione del Covid (Covid-19)” (nonostante però sia stato segnalato da noti medici che non è così – LEGGI QUI).

La decadenza dell’obbligo di indossare mascherine va a inserirsi in un pacchetto di misure ben più ampio che permetterà di allentare i livelli di protezione e di snellire l’industria, con conseguente abbassamento dei costi di servizio, pur mantenendo invariati gli standard minimi che garantiscono la sicurezza dei passeggeri.

La decisione è arrivata alla luce degli ultimi sviluppi della pandemia Covid.

In particolare si è tenuto conto, oltre che delle ospedalizzazioni e del numero di contagi, del grado di vaccinazione raggiunto nei Paesi europei, oltre che dell’immunità naturale dovuta al grande numero di infezioni negli ultimi due anni.

“Sebbene i rischi permangano, abbiamo visto che gli interventi e i vaccini non farmaceutici hanno permesso alle nostre vite di tornare alla normalità.

Sebbene l’uso obbligatorio della mascherina in tutte le situazioni non sia più raccomandato, è importante tenere presente che, insieme al distanziamento fisico e a una buona igiene delle mani, è uno dei metodi migliori per ridurre la trasmissione Covid”, ha spiegato il direttore dell’Ecdc Andrea Ammon. (Continua a leggere dopo la foto)

mascherina volo 02 scaled

Tuttavia, va precisato che le regole sulla mascherina dipenderanno per alcuni aspetti dalla compagnia aerea con la quale si viaggia.

In particolare, nella nota emessa da Easa ed Ecdc, si specifica che “i voli da o verso una destinazione in cui è ancora richiesto l’uso della mascherina sui mezzi di trasporto pubblico dovrebbero continuare a incoraggiare l’impiego del dispositivo, secondo le raccomandazioni anti Covid”.

Per quanto concerne i passeggeri fragili, per quanto non vengano date indicazioni diverse rispetto agli altri, i due enti raccomandano di “indossare una mascherina indipendentemente dalle regole, idealmente di tipo Ffp2/N95/Kn95, che offre un livello di protezione superiore rispetto a una mascherina chirurgica standard”.

Il mondo vuole tornare alla normalità dopo due anni di pandemia Covid e di restrizioni e il nuovo pacchetto che comprende il sollevamento dell’obbligo delle mascherine rappresenta un compromesso adeguato in tal senso e, un primo passo verso una nuova nuova normalizzazione, come ha spiegato Patrick Ky, direttore esecutivo di Aesa, “Siamo ora all’inizio di quel processo.

I passeggeri dovrebbero continuare a rispettare i requisiti della loro compagnia aerea e, laddove le misure preventive siano facoltative, prendere decisioni responsabili e rispettare la scelta degli altri passeggeri”.

Insomma, le autorità europee non impongono più all’uso della mascherina ma raccomandano prudenza e senso di responsabilità, in considerazione del fatto che la pandemia Covid non è più in fase emergenziale ma il rischio di contagio continua a sussistere.

Vanno poi rispettate le regole della compagnia aerea, che può continuare a prevedere l’utilizzo di mascherina anche se non previsto dai rispettivi paesi di provenienza e di arrivo.

Ad esempio, Ryanair prevede l’obbligo di mascherina nei voli in partenza e di provenienza dai 15 paesi UE che lo prevedono (Italia, Francia, Germania, Grecia, Malta, Spagna, Portogallo, Olanda, Austria, Lettonia, Cipro, Lituania, Repubblica Ceca, Lussemburgo, Estonia), lasciandola facoltativa sugli altri. Anche ITA Airways ha confermato l’obbligo di mascherina FFP2/KN95/N95 al di sopra dei 6 anni, cambiando la mascherina ogni 7/8 ore di volo.

Le regole in Italia

Il certificato Covid digitale è obbligatorio in Germania, Francia, Austria, Spagna, Portogallo e Italia dove il 28 aprile il ministro Speranza ha firmato un’ordinanza che proroga al 31 maggio le attuali misure per gli arrivi dall’estero, sicché i turisti stranieri e gli italiani che ritornano a casa devono continuare a esibire il pass da vaccinazione o guarigione. O in alternativa un tampone antigenico o molecolare.

L’abolizione del modulo Plf

Altra novità in Italia è l’abolizione dell’obbligo per i turisti di compilare prima di imbarcarsi anche il «passenger locator form» (Plf), il modulo utilizzato dalle Autorità Sanitarie per i viaggi.

L’Italia si è allineata così alla scelta di Paesi come la Grecia, tra le prime a rimuovere l’obbligo, anticipando sui tempi altri paesi come Francia.

I Paesi che non richiedono più il certificato verde

Ma la maggioranza dei Paesi Ue ha ormai eliminato le restrizioni anti-Covid. Per entrare in Danimarca, Norvegia, Svezia, Irlanda, Croazia, Slovenia, Grecia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Islanda, Svizzera, Lussemburgo i viaggiatori non sono tenuti a fornire più prova della vaccinazione, della guarigione dal Covid o un test negativo.

Cosa succede sui mezzi di trasporto

É l’articolo 11 del decreto ad occuparsi delle “disposizioni urgenti sull’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie”. La norma è necessaria perché il vecchio decreto faceva scadere tutti gli obblighi oggi, il 15 di giugno.

Nel testo si sposta quindi al 30 settembre la scadenza dell’obbligo sia sul trasporto pubblico locale, che su quello nazionale. Come detto, la misura non vale per gli aerei, sia per tratte nazionali che internazionali, dove la mascherina sarà raccomandata.

Addio mascherine al cinema e al teatro

Da domani non sarà più obbligatorio indossare la mascherina per spettacoli ed eventi al chiuso, anche sportivi. Non servirà quindi al cinema, al teatro e nemmeno nei palasport. Questa misura era attesa, anche perché con il caldo queste strutture lavorano a scartamento ridotto.

Restano in sanità

Anche in questo caso si tratta di una misura prevista. Sarà quindi ancora obbligatorio indossare la mascherina quando si entra negli ospedali o nelle residenze per anziani, come visitatori e non solo. Si segue il principio della tutela delle persone fragili.

Cosa succede nel lavoro privato

In base ai protocolli siglati dalle parti sociali e ancora in vigore, nel privato la mascherina va messa quando c’è il rischio di entrare in contatto ravvicinato con dei colleghi. Nei prossimi giorni, intorno alla fine del mese, ci sarà un’altra riunione nella quale potrebbero essere date nuove indicazioni.

Raccomandate per il lavoro pubblico

Il ministro alla Pubblica amministrazione Renato Brunetta già all’inizio di maggio ha fatto una circolare per raccomandare l’uso delle mascherine nelle situazioni in cui ci sono rischi. Qui quindi l’obbligo non c’è.

Il Senato: “Stop anche qui”

Da domani viene meno in Senato l’obbligo di utilizzo delle mascherine in Aula, nelle commissioni e negli altri organi collegiali, nonchè durante i convegni o le iniziative aperte al pubblico.

Lo ha ricordato all’Assemblea la vice presidente di turno Anna Rossomando. “Non viene meno la possibilità per ciascun senatore, ove lo ritenga, di utilizzare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie”.

La fine dell’obbligo di vaccinazione

La vaccinazione da domani non sarà più obbligatoria per gli over 50, per chi lavora nella scuola, nelle forze dell’ordine e per le altre categorie indicate nella legge del gennaio di quest’anno.

In questo caso il governo ha deciso di non fare alcuna proroga. Continuano però ad essere spedite le sanzioni da 100 euro per chi non è stato in regola quando la norma era ancora in vigore.

Medici e infermieri devono vaccinarsi

L’obbligo non decade solo per coloro che lavorano in sanità ma resta valido fino al 31 dicembre. Medici, infermieri, operatori di vario tipo e tecnici dovranno avere fatto tre dosi, altrimenti rischiano la sospensione dal lavoro e anche dal loro Ordine.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulla stella per votarla!

Voto medio 4.6 / 5. Conteggio voti: 39

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Ci dispiace che questo post non ti sia stato utile!

Miglioriamo questo post!

Ci racconti come possiamo migliorare questo post?


C’È UNA SOLA ASSOCIAZIONE SINDACALE LIBERA E INDIPENDENTE: TI SEI RICORDATO DI SOSTENERLA?

Sostieni USPL con la tua donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Fino al nostro ultimo aggiornamento, avvenuto il 23 Settembre 2022 @ 23:13, abbiamo realizzato un totale di 89 articoli, per un totale di 210,170 parole, all’interno di 10 categorie e abbiamo un totale di 42 utenti registrati al nostro social network dei leoni. E vi abbiamo mostrato in maniera integrale quello che da nessun altra parte sul web avreste mai visto. Tantissimi italiani che hanno seguito o seguono i nostri contenuti, li hanno trovati interessanti.

Tutto questo, lo abbiamo realizzato solo con le vostre donazioni. Per essere indipendenti. Per non avere debiti, né di riconoscenza, né finanziari.

Se credi che il nostro lavoro sia importante, ricordati di sostenerlo, perchè ci sono cose nella vita di cui si sente la mancanza solo quando non ci sono più e 13 donatori, che hanno effettuato 13 donazioni, donandoci un totale di 346,79 € hanno già creduto in noi e in quello che sinora abbiamo fatto e faremo in futuro.

Scegli di supportare il nostro lavoro contribuendo a coprire le spese di gestione del sito web, del blog, i vari progetti, partecipazione a iniziative, eventi accessibili e manifestazioni che intendiamo promuovere.



Cause che necessitano la tua urgente attenzione

Dona con PayPal o Carta di credito qui di seguito:


Oppure dona con Bonifico Bancario:

Beneficiario: Soldo
IBAN: IT47Z03268223000VR000048486
BIC/Swift: SELBIT2BXXX
Banca: Banca Sella
Identificativo causale: 58321845
(Il codice identificativo causale è obbligatorio e va inserito così come mostrato, come causale per ogni bonifico)
Indirizzo banca: Piazza Gaudenzio Sella, 1 – 13900 BIELLA
Indirizzo beneficiario: C/O WeWork, 119 Marylebone Road, NW1 5PU London, UK


È possibile sostenere l’associazione USPL Unione Sindacale Per La Libertà attraverso una donazione, basta un piccolo contributo, il tuo aiuto può fare la differenza.


Ecco l’albo d’oro dei cavalieri di USPL, che stanno combattendo la battaglia della libertà di informazione:

  1. prova prova

    101,79 €
  2. Maria Grazia Costa

    10,00 €
  3. Gabriella Strangis

    5,50 €
  4. Emilia Galanti

    5,00 €
  5. Giulia Abbate

    5,00 €
  6. salvatore vitaliti

    20,00 €
  7. Eva Intagliata

    50,00 €
  8. Alessia Cesare

    10,00 €
  9. Gianfranco Cilia

    100,00 €
  10. Giuseppe Scarlata

    20,00 €
  11. Giovanna Cravotta

    10,00 €
  12. Salvatore Ruben Spatola

    5,00 €
  13. Angela Rindone

    5,00 €


Gentile lettore,

voglio esprimere la mia più sincera gratitudine per aver visitato questa pagina e per il contributo che stai per concedere al sito Uspl.it, noi non abbiamo sponsor o altri contributi tranne il tuo, con la tua donazione ci aiuterai ad andare avanti per fornire quell’informazione libera in cui noi tutti crediamo.

Sostieni il uspl.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per garantire un’informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale, delle azioni atte a far crollare l’economia e molti altri temi da un’altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l’informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de uspl.it e difendi l’informazione libera!

A nome di tutta la direzione, Grazie!



Condividi se ti piace:

Partecipa alla discussione scrivendo un commento

>
Il nostro team di assistenza clienti è qui per rispondere alle tue domande. Chiedici qualsiasi cosa!